Cerca
Close this search box.

BLOG

Realtà Virtuale E Aumentata Applicate All’immobiliare. Quale Futuro

Realtà Virtuale e Aumentata applicate all’immobiliare 

Succede sempre più spesso che innovazioni tecnologiche sperimentate in un settore, “espandano” la propria portata, sino a diventare accessibili ad altri e diversi settori e a milioni di persone.

È quello che sta accadendo con la Realtà Virtuale (VR) e la Realtà Aumentata (AR). Tecnologie nate negli anni ’60 e ’70, principalmente per scopi militari, hanno poi trovato applicazione nell’industria e nell’ingegneria. 

È stata in seguito l’industria del gaming, grazie agli ingenti investimenti in ricerca e sviluppo, a contribuire significativamente al loro avanzamento.

Oggi, Realtà Virtuale e Aumentata sono applicate in molteplici settori e adottate per i più svariati scopi. Dall’industria 4.0 al turismo e alla cultura, alla medicina, alla formazione e al marketing. 

Le tecnologie AR e VR hanno trovato spazio nella routine di progettisti ed architetti e, in modo del tutto naturale, si sono avvicinate sempre di più al settore immobiliare.

Sono definite, nel loro insieme, tecnologie immersive perché portano l’utente in un ambiente digitale col quale può interagire.

Si differenziano tra loro non per la tecnologia che adottano, ma per il modo in cui permettono di interagire con l’ambiente circostante.

La Realtà Virtuale necessita di un visore e crea un ambiente completamente digitale e immersivo, che sostituisce il mondo reale.

La Realtà Aumentata funziona grazie a smartphone, occhiali AR o visori e sovrappone elementi digitali al mondo reale, integrandone le informazioni. 


INDICE


VR e AR. Quando la tecnologia fa la differenza nelle compravendite immobiliari

Se stai pensando che già i Virtual Tour, da tempo offerti negli annunci immobiliari, permettono visite virtuali a un immobile, tieni presente che sono due tecnologie molto diverse. 

Il Virtual Tour può farti spostare attraverso le stanze di una proprietà, ma non è immersivo e infatti si usa da PC o smartphone. 

Virtual Tour, insieme a fotografia e video3D (utilizzabili sempre da PC), sono i precursori di ciò che avverrà, e in parte già avviene, con la realtà virtuale e aumentata.

Cosa offre la Realtà Virtuale

Applicare questa tecnologia al settore immobiliare, significa trasformare radicalmente il modo in cui le persone visitano e acquistano proprietà

I vantaggi più evidenti sono tre ed entrambi valgono sia lato agenti/agenzie, che lato acquirenti. 

1. Si riducono gli spostamenti per visitare fisicamente gli immobili. Gli acquirenti possono esaminare più case in meno tempo, concentrandosi solo su quelle che realmente interessano. 

2. La possibilità per agenti e agenzie che la introducono, di espandere a livello internazionale il proprio portafogli di proposte immobiliari. E per chi cerca in aree geograficamente distanti, di viaggiare solo lo stretto necessario.

3. Affianca e migliora il processo di vendita di edifici in costruzione.

Cosa offre la Realtà Aumentata

Mentre la Realtà Virtuale crea un’esperienza completamente immersiva, la Realtà Aumentata consente agli agenti immobiliari di sovrapporre informazioni digitali sul mondo reale. 

I vantaggi più evidenti sono a beneficio dei clienti, che aumentano la propria consapevolezza sulle potenzialità dell’immobile che visitano.

Consapevolezza data dalle informazioni aggiuntive visualizzate quando si inquadra un oggetto specifico. (Come accade lungo itinerari dotati di QR Code). Oppure dalla possibilità di “vedere” diverse opzioni di layout degli interni di un’abitazione. Una sorta di home staging in tempo reale, che fa visualizzare colori, arredamenti e modifiche potenziali e aiuta i clienti a immaginare in maniera molto concreta la loro casa ideale. 

In futuro, la realtà aumentata integrerà esperienze di shopping. Si potranno aggiungere e acquistare direttamente elementi durante la visita immersiva.

Entrambe queste tecnologie permettono agli acquirenti di costruire sin da subito un legame emotivo con l’abitazione visitata virtualmente. Questo significa decisioni più veloci e iter di compravendita accorciato.

AR e VR sono tecnologie alla portata di tutti?

Probabilmente, in futuro, ogni casa disporrà di un visore per la Realtà Virtuale come oggi si possiede una TV.

Oggi, nonostante l’espansione di queste tecnologie corra veloce in tutti i settori, con edilizia e immobiliare ai primi posti, sarebbe azzardato affermare che siano accessibili a piccole e medie agenzie immobiliari.

Sì, perché adottarle significa investire in hardware e software che vanno integrati in maniera strutturata al proprio modello di business e comunicate in maniera adeguata al mercato. 

Il visore è infatti l’ultimo step di un’infrastruttura software che per funzionare deve essere di qualità. 

Significa formazione del personale ma anche dei clienti.

Vantaggi competitivi per agenzie immobiliari innovative

È naturale che un agente/agenzia immobiliare in grado di proporre alla propria clientela l’utilizzo di Realtà Virtuale e Aumentata, si trovi in una posizione di vantaggio rispetto a competitor che ne sono sprovvisti.

AR e VR sono strumenti che impressionano notevolmente gli acquirenti, contribuendo ad aumentare la percezione di innovazione e buona reputazione verso i professionisti che le offrono.

Ad agenti e agenzie “early adopter”, è richiesto lo sforzo di farsi portatori di un cambiamento che è prima di tutto culturale. A loro spetta guidare i clienti in un percorso d’acquisto immobiliare che richiede un cambio di paradigma. Quasi un “atto di fede” e una completa fiducia che si possa acquistare un immobile senza visitarlo fisicamente.

Il rischio, ove così non fosse, è quello di proporre ai clienti un “giochino divertente” che, tuttavia, non si traduce in un vantaggio reale del processo di compravendita.

La differenza la fanno sicuramente anche il proprio target di immobili e il territorio sul quale si lavora. Non a caso, è molto utilizzata per acquisti nei luoghi più esclusivi del mondo, come Dubai o Manhattan. 

Naturalmente, nessuno è costretto a seguire il ritmo delle innovazioni tecnologiche. Si può anche scegliere di ignorarle. L’importante è riconoscere che il futuro dell’immobiliare sarà sempre più permeato da queste tecnologie immersive. E quello che oggi è “un’eccezione per ricchi”, domani sarà un servizio standard offerto comunemente da agenti e agenzie. 

Potrebbe interessarti anche

marketing immobiliare

Strategie di digital marketing immobiliare – Parte 1

Per fare marketing on line, è fondamentale stabilire il budget e capire quali strategie adottare. Alcune possono essere gestite in autonomia, mentre altre richiedono il supporto di professionisti del settore. L’importante è mettere in conto la propria presenza, competenza e conoscenza del cliente.

Qual è il periodo migliore dell’anno per vendere casa?

Qual è il periodo migliore dell’anno per vendere casa?

Esiste un periodo migliore per vendere casa? La stagionalità e la psicologia hanno un ruolo quando si tratta di scegliere il momento migliore per mettere in vendita casa, ma scopriamo qual è davvero la giusta importanza da dare a questi fattori.

Realtà Virtuale E Aumentata Applicate All’immobiliare. Quale Futuro

Realtà Virtuale e Aumentata applicate all’immobiliare 

Realtà Virtuale e Realtà Aumentata si stanno facendo strada nel settore immobiliare. Sono tecnologie immersive che portano diversi vantaggi per tutti. Acquirenti, venditori e agenti. Siamo pronti a sostituirle alle visite in loco? E quanto sono accessibili?